info_top

Tel. 049 5974019 - Tel. 049 5972269 Statistiche gratis

visita ginecologica esame mammografico gravidanza ecografia
Fecondazione assistita

TECNICHE DI FECONDAZIONE ASSISTITA

Tecnica di primo livello che consiste nel collocare nel tratto riproduttivo femminile, perlopiù all’interno della cavità uterina, lo sperma raccolto dal partner utilizzando un apposito cateterino. Affinché l’inseminazione artificiale abbia successo, è necessario che almeno una delle tube di Falloppio sia pervia.


Inseminazione Intrauterina (Intra Uterine Insemination-IUI)

Tecnica di primo livello che consiste nel collocare nel tratto riproduttivo femminile, perlopiù all’interno della cavità uterina, lo sperma raccolto dal partner utilizzando un apposito cateterino. Affinché l’inseminazione artificiale abbia successo, è necessario che almeno
una delle tube di Falloppio sia pervia. Inoltre, lo sperma utilizzato deve possedere determinati requisiti minimi, ossia una concentrazione di spermatozoi mobili dopo la preparazione in laboratorio superiore a 3-5 milioni/ml.

La procedura di inseminazione artificiale prevede tre fasi:

1. La stimolazione dell’ovaio basata sull’assunzione di ormoni (induzione ovulazione).
2. La preparazione del seme che consiste nel selezionare e concentrare gli spermatozoi mobili, poiché la bassa motilità degli stessi è uno dei fattori negativi per l’ottenimento di una gravidanza.
3. L’inseminazione che si realizza nell’ambulatorio medico, in quanto non è una procedura dolorosa e non è necessario l’uso di alcun tipo di anestesia.; una volta pronto, il campione di sperma viene depositato all’interno dell’utero con una speciale cannula e, terminata questa manovra, la donna viene lasciata in posizione supina per qualche minuto.

Fecondazione In Vitro (FIV/ICSI)

Si basa sull’unione in provetta (in vitro) dell’ovulo con lo spermatozoo ed ha lo scopo di ottenere embrioni da trasferire nell’utero materno.

Un ciclo di FIV/ICSI prevede varie fasi:

æ Valutazione accurata della paziente per individuare il miglior trattamento per ogni problema d’infertilità.

æ Stimolazione ovarica: il trattamento ormonale è necessario per incrementare le possibilità di successo, poiché la donna produce in modo naturale un solo follicolo, quindi una sola possibilità di gravidanza per ogni ciclo ovulatorio; il trattamento, che dura dai 15 ai 20 giorni, permette di avere più di un follicolo (in base alla risposta di ogni donna) per ogni ciclo.

æ Prelievo ovocita (Pick-up): quando tramite ecografia si evidenzia che i follicoli hanno raggiunto la dimensione adeguata e che è disponibile un numero opportuno di ovociti, viene programmata l’aspirazione follicolare, circa 36 ore dopo aver somministrato hCG tramite iniezione, che serve a indurre la maturazione finale degli ovociti stessi.

æ Inseminazione degli ovociti: questo processo si può realizzare con una FIV convenzionale, che consiste nel collocare nella piastra di coltura un ovocita circondato da spermatozoi, o con la ICSI, che consiste nell’introduzione (micro-iniezione) di uno spermatozoo in un ovocita mediante l’ausilio di una pipetta.

æ Cultura degli embrioni in laboratorio.

æ Trasferimento embrionale: introduzione nell’utero materno tramite una cannula degli embrioni ottenuti in laboratorio.

æ Test di gravidanza: a due settimane dal trasferimento embrionale, la paziente deve dosare le beta-hCG su sangue per confermare l’avvenuta gravidanza e quantificare il livello di ormone circolante.

MODALITÀ DI STIMOLAZIONE OVARICA
Il ricorso alle tecniche di procreazione assistita prevede nella maggior parte dei casi che la partner femminile si sottoponga ad una terapia d’induzione dell’ovulazione multipla attuata ricorrendo alla somministrazione di 3 possibili farmaci di natura ormonale:

æ Clomifene Citrato: è un antiestrogeno impiegato per stimolare il rilascio di FSH e LH e pertanto lo sviluppo follicolare.

æ Le gonadotropine follicolostimolanti (FSH): stimolano le ovaie in modo da indurre maturazione dei follicoli; vengono somministrate giornalmente (tramite iniezione sottocutanea) a dosi differenti scelte sulle base delle caratteristiche della paziente stessa e dalla tecnica di fecondazione ottimale per la coppia: se si sceglie di ricorrere all’inseminazione intrauterina si utilizzano dosaggi minori, idonei allo sviluppo e alla maturazione di non più di due o tre follicoli ovarici; se si scelglie la tecniche di fecondazione in vitro si utilizzeranno dosaggi superiori, capaci di promuovere una superovulazione. 

Nei protocolli lunghi di stimolazione ovarica è prevista la soppressione dell’attività dell’ipofisi a partire dal 19°- 23° giorno del ciclo con un agonista del GnRH seguita dall’induzione dell’ovulazione multipla con FSH a partire dal 3°-7° giorno del ciclo successivo. Nel
protocollo con antagonista del GnRH, invece, si procede alla stimolazione ovarica con FSH dal 3° giorno del ciclo a cui viene associata la somministrazione dell’antagonista in presenza di 1-2 follicoli di diametro di 13-14 mm.

æ Gonadotropina Corionica Umana (hCG): è un ormone prodotto normalmente dalla placenta durante la gravidanza; è utilizzata nella donna per indurre l’ovulazione dell’ovulo maturo da un follicolo durante fecondazione assistita e nell’uomo per indurre la produzione di testosterone da parte delle cellule del Leydig dei testicoli.

æ Agonisti del GnRH: sono ormoni sintetici simili al GnRH, l’ormone prodotto dall’ipofisi che regola nell’organismo la produzione di gonadotropine; inibiscono la produzione fisiologica di GnRH con rilascio improvviso di ormoni sessuali e la produzione di gonadotropine cessa completamente; nei protocolli lunghi vengono somministrati giornalmente tramite iniezione sottocutanea.

æ Antagonisti del GnRH: bloccano in modo competitivo i recettori cellulari del GnRH impedendo il rilascio delle gonadotropine in risposta al GnRH endogeno; l’effetto bloccante sul recettore è immediato; vengono somministrate giornalmente nei protocolli brevi.
 

æ Gonadotropine Luteinizzanti (LH): bloccano in modo competitivo i recettori cellulari del GnRH impedendo il rilascio delle gonadotropine in risposta al GnRH endogeno; l’effetto bloccante sul recettore è immediato; vengono somministrate giornalmente nei
protocolli brevi.

A cura di Paolo Spriano Medico di Medicina Generale Milano




Il presente materiale non intende in alcuna maniera, né direttamente, né indirettamente, delineare o sostituirsi a percorsi terapeutici che rimangono esclusiva responsabilità del medico curante. Le indicazioni contenute in questa pubblicazione non devono essere valutate in sostituzione di cura professionale medica. E' necessario, pertanto, consultare il medico prima di intraprendere qualsiasi cambiamento dello stile di vita". Le informazioni contenute nella scheda sono utilizzabili solo dopo che il medico curante ha verificato la presenza delle controindicazioni all’uso nel singolo paziente.